Niente processo a Radio Vaticana

Elettrosmog, difetto di giurisdizione. Matteoli: bella notizia. In aula esplode la rabbia

 

ROMA - Trenta secondi e poi nella piccola aula del Tribunale, di fronte al verdetto che ha dichiarato la Radio Vaticana non processabile per il presunto inquinamento elettromagnetico, č esplosa la rabbia. Attesa per le 11.30 di ieri mattina la decisione del giudice monocratico Andrea Calabria sui tre rappresentanti della Radio Vaticana - il cardinale Roberto Tucci, il direttore padre Pasquale Borgomeo e il vicedirettore Costantino Pacifici - č calata all'improvviso come una doccia fredda nell'auletta gremita di residenti dell'area in cui sorgono le antenne dell'emittente.

Il verdetto era atteso dal 20 dicembre, quando la prima udienza del processo istruito dai pm Gianfranco Amendola e Stefano Pesci si era rapidamente chiusa con un rinvio al 19 febbraio per sciogliere il nodo del difetto giurisdizionale invocato dai legali della radio del Papa. E ieri mattina il giudice ha dato loro............................(1)  ragione: poche parole per affermare che sulla base dell'articolo 11 dei Patti Lateranensi, quello sul divieto d'ingerenza nei confronti degli enti centrali della Chiesa, non si deve procedere per difetto di giurisdizione. Il giudice ha anche richiamato gli articoli 3 del codice penale, sulla giurisdizione dello Stato, e il 20 del codice di procedura penale. Insomma, il processo per "getto pericoloso di cose" in cui erano imputati i tre rappresentanti della radio non si farā . Il richiamo all'extraterritorialitā vanta un unico precedente, la sentenza della Cassazione su Marcinkus nell'87. Soddisfatti i difensori, gli avvocati Marcello Melandri ed Eugenio Pacelli (quest'ultimo nipote di Papa Pacelli) vedendo accolta la loro............................(2)  tesi, sconcertate invece le numerose parti civili e l'accusa a cui non č restato che annunciare l'inevitabile ricorso in Cassazione.

Ma intanto nell'auletta ribolliva il dissenso tra i residenti che non dimenticano i casi di leucemia infantile, oggetto di un problematico studio dell'osservatorio epidemiologico della Regione Lazio. "E chi ha i figli ammalati?" ha cominciato a strillare una signora di Cesano. Agnese Amodio, madre di una piccola morta nell'aprile 2000, ha protestato: "Oggi lo Stato ha ucciso per la seconda volta mia.....................(3)  figlia...". Poi, mentre alcuni rappresentanti di Legambiente si spostavano all'esterno del Tribunale con lo striscione "La legge non č uguale per tutti", altri abitanti hanno gridato "vergogna" e "questa č una licenza d'uccidere". Il giudice Calabria č stato costretto a minacciare denunce per oltraggio alla corte. Appena informato del verdetto il ministro dell'ambiente Altero Matteoli ha espresso la sua.....................(4)  "soddisfazione" per il proscioglimento della radio. "Ho trattato con il Vaticano nel mese di agosto per cercare una soluzione raggiunta il 31 agosto con il rientro nei limiti di legge - ha ricordato il ministro -. Sono lieto di apprendere che questa vicenda si č chiusa anche dal punto di vista giuridico. La prossima settimana, condizioni meteorologiche permettendo, sarā terminata la campagna di rilevazione delle emissioni". La posizione del ministro č stata aspramente criticata da numerose organizzazioni ambientaliste e da esponenti dell'opposizione come il capogruppo Ds al Senato Fausto Giovanelli, l'ex sottosegretario Valerio Calzolaio, i verdi Gianni Mattioli e Massimo Scalia. Altri verdi come Alfonso Pecoraro Scanio, Angelo Bonelli e Paolo Cento, presenti ieri mattina a Piazzale Clodio, intanto annunciavano "un'interpellanza per sollecitare un intervento del governo". "Se lo Stato non vuole togliere le antenne da Cesano allora chiederemo di mandare via chi ci abita". Dal canto suo.....................(5)  la Radio Vaticana ha ricordato che "l'auspicata e opportuna conclusione della causa penale non significa in alcun modo che la radio cesserā di adottare le misure precauzionali intese a venire incontro alle preoccupazioni della popolazione, misure attuate in accordo con le autoritā italiane". L'unica sede di confronto, ha ribadito l'emittente pontificia, č "la commissione bilaterale Italia-Santa Sede". La radio č anche tornata a sottolineare che "nessun studio attendibile ha dimostrato l'esistenza di danni alla salute connessi all'attivitā trasmittente del centro di Santa Maria di Galeria". Ma ieri i verdi ricordavano che recenti rilevazioni dell'Arpa (l'agenzia regionale per l'ambiente) a Cesano hanno registrato emissioni di onde ancora troppo elevate. Quelle antenne continuano a incutere paura.

 

[Paolo Brogi - CORRIERE DELLA SERA, 20 Febbraio 2002]